I progetti Life sono anche occasione per integrare le azioni previste con studi ed approfondimenti di altra natura come il caso delle tesi di laurea. Particolarmente interessante è quella svolta da Filippo Giuntini sulla “Valutazione della necromassa in piantagioni di Pinus Nigra” e non solo per l’importanza del legno morto per la biodiversità ma anche perché ha come oggetto tre diverse pinete indagate nelle attività di due progetti Life: il nostro SelPiBioLife (LIFE13 BIO/IT/000282) per le aree di Pratomagno e Monte Amiata e il Life FoResMit (LIFE 14 CCM/IT/905 - http://lifeforesmit.com/it/) per l’area di Monte Morello.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Bollettino1 SelPiBio 02 2017Per monitorare gli effetti del trattamento selvicolturale sulla biodiversità del sottobosco e del suolo è necessario conoscere quantità e qualità delle singole componenti prima e dopo l’applicazione del diradamento!

Per dare un quadro d’insieme della biodiversità “prima del trattamento”, è stato realizzato un bollettino divulgativo che in estrema sintesi dà i risultati delle indagini sulla diversità floristica, micologica, della macro-,  meso- e microfauna del suolo, svolte durante la stagione vegetativa 2014/2015 nelle due aree dimostrative del Progetto: Pratomagno ed Amiata.

Vota questo articolo
(0 Voti)

È stata pubblicata sulla rivista tecnica Sherwood – Foreste ed alberi oggi, un’infografica che attraverso simboli, numeri e pochissimi testi, descrive: i presupposti, le finalità e la tecnica del diradamento selettivo. L’obiettivo principale del Progetto SelPiBioLife è quello di proporre questo trattamento selvicolturale per i popolamenti artificiali di pino nero al fine di aumentarne la stabilità e la biodiversità. Molte sono le azioni ed i prodotti dedicati alla divulgazione per sostenere la replicabilità del diradamento selettivo tra cui: attività formative, pubblicazioni tecniche ma anche semplici prodotti di divulgazione come appunto l’infografica.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Progetto SelPiBioLife vanta un articolato protocollo sperimentale che complessivamente ricopre 30 ha di popolamenti artificiali di pino nero in Toscana. Questi sono equamente ripartiti tra i territori dell’Unione dei Comuni del Pratomagno (AR) e quelli dell’Unione dei comuni Amiata Val d’Orcia (SI).

La prima azione svolta nel progetto è stata proprio finalizzata ad avere un quadro conoscitivo della componente fisica dei territori in oggetto, della relativa componente forestale e della gestione dei boschi storica ed attuale.

Vota questo articolo
(0 Voti)

È stata realizzata la versione integrale in lingua spagnola del Manual técnico SelPiBioLife, dal titolo: “La Clara Selectiva. Una practica para incrementar la estabilidad y biodiversidad de los pinares de Pino negral”. Questa versione non prevista dal progettò è stata possibile grazie alla collaborazione di Isaac Sanz Canencia, studente forestale presso la E.T.S. Ing. de Montes, Forestal y del Medio Natural del Politecnico di Madrid che ha partecipato al progetto SelPiBioLife grazie ad un finanziamento Erasmus+ presso il CREA ABP di Firenze.

Vota questo articolo
(0 Voti)

È stata realizzata la versione integrale in lingua inglese del manuale tecnico sul diradamento selettivo, non solo perché SelPiBioLife è un progetto finanziato da un Programma Europeo, ma anche e soprattutto perché la tecnica del trattamento selvicolturale proposto per le pinete artificiali di pino nero dell'Appennino è efficace e replicabile anche in contesti simili di altri Paesi.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Con un contributo focalizzato sui primi risultati relativi alla componente microbica, dei suoli il Progetto SelPiBioLife verrà presentato in occasione del “Florence-Symposium” on running projects focused on C- dynamics in Italian forest soils” promosso dall’Università di Firenze e l’Accademia Italiana di Scienze Forestali.

Obiettivo del simposio, che si terrà il 29 Settembre 2016, sarà quello di allargare le conoscenze sui meccanismi del carbonio in suoli forestali europei e realizzare un “multidisciplinary consortium” tra i partecipanti per promuovere nuove collaborazioni.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Per conoscere i valori di abbondanza-dominanza delle specie vegetali presenti nelle 2 aree del progetto, Pratomagno - AR  (di seguito UCP) e Monte Amiata - SI (di seguito UCAVO), vengono svolti specifici rilievi sulla diversità specifica (Azione A3) prima e dopo la realizzazione degli interventi selvicolturali .

I rilievi ante trattamento sono stati realizzati nel periodo maggio-luglio 2015 utilizzando il metodo fitosociologico di Braun-Blanquet (1932). Il rilievo prevede la stima nei 27 plot individuati della copertura dello strato erbaceo ed arboreo e la copertura totale. Per lo strato erbaceo è stato determinato l'elenco floristico completo e per ogni singola specie è stato stimato il valore di abbondanza dominanza secondo le classi della scala previste dal metodo.

Vota questo articolo
(0 Voti)

NiP1 FSCDisponibile fino al 30 gennaio 2016 sul sito di FSC Italia il form online di consultazione sulla prima bozza del nuovo standard nazionale di Gestione Forestale FSC. Un processo di ricerca attiva che mira a coinvolgere tutti gli stakeholders, tra cui anche quelli specifici del Progetto SelPiBioLIFE.

Quella in consultazione è la prima versione dello Standard Nazionale di Gestione Forestale FSC, creata a partire dagli Indicatori Generici Internazionali (International Generic Indicators, IGIs), che sono stati trasferiti e adattati al contesto nazionale forestale.
Il processo è stato gestito e coordinato da FSC Italia insieme ad un gruppo di lavoro formato da sei soci del Forest Stewardship Council Italia e rappresentanti degli interessi ambientali, sociali ed economici, più quattro esperti del settore forestale e della certificazione FSC. Questa prima versione del documento è frutto di un accurato lavoro di revisione degli indicatori già esistenti a livello nazionale (la bozza dello Standard di Gestione Forestale Nazionale e gli Standard ad interim), e di quelli Generici Internazionali.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Il Progetto SelPiBioLIFE è stato recentemente presentato in tre importanti contesti Scientifici: a Pavia durante i lvori del 110° Congresso della Società Botanica Italiana (II International Congress of Plant Sciences) tenutosi dal 14 al 18 Settembre 2015, a Firenze al X Congresso della Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale (SISEF) svoltosi dal 15 al 18 Settembre e in Portogallo a Funchal dove dal 20 al 25 Settembre2015 si è svolto il XVII Congress of European Mycologists. SelPiBioLIFE aveva comunque già varcato i confini italiani nella primavera scorsa, quando un contributo di presentazione del progetto è stato oggetto di un relazione presso l’assemblea generale dell’European Geosciences Union (EGU) che ha avuto luogo a Vienna dal 12 al 17 aprile 2015.

Vota questo articolo
(0 Voti)


Il 29 e 30 Giugno scorsi si sono tenuti i primi due incontri di partecipazione nelle aree in cui verranno svolti gli interventi dimostrativi di diradamento selettivo proposti dal progetto SelPiBioLIFE.

E' stata un’importante occasione di confronto tra tecnici, studenti, operatori, ricercatori e i partner del progetto, per far conoscere e migliorare, grazie alle idee di tutti gli stakeholder, i criteri di scelta delle piante da abbattere (martellata) per diradare le pinete artificiali di pino nero al fine di migliorarne struttura, stabilità e diversità biologica.


Quì sotto è disponibile un breve video e una fotogallery relativi alle due giornate di partecipazione, svolte sul Monte Amiata e sul Pratomagno, in Toscana.

Un grazie da parte di tutti i partner del progetto ai numerosi intervenuti: la idee e le proposte raccolte durante le giornate saranno uno stimolo molto utile nelle attività future del progetto!

Vota questo articolo
(2 Voti)

Il 29 e 30 Giugno 2015 si terranno i primi due incontri di partecipazione nelle aree in cui verranno svolti gli interventi dimostrativi  di SelPiBioLIFE sul tema: “La martellata per i diradamenti in pinete di pino nero. Vedere, provare, discutere”.
 Sarà l’occasione per vedere, valutare e discutere con i partner del progetto la scelta delle piante da abbattere (martellata) fatta nelle pinete artificiali di pino nero al fine di migliorarne struttura e stabilità nonché di accrescerne la diversità biologica a livello di sottobosco e suolo.
Durante gli incontri sono previste attività di simulazioni di martellata finalizzate al confronto tra i partecipanti, nonché la possibilità di vedere aree del bosco in cui gli interventi sono già stati realizzati.

Vota questo articolo
(0 Voti)
  • Lunedì 29 Giugno aree dimostrative Monte Amiata (SI)
  • Martedì 30 Giugno  aree dimostrative Pratomagno (AR)

Si terranno i primi due incontri di partecipazione nelle aree in cui verranno svolti gli interventi dimostrativi  di SelPiBioLIFE.
Sarà l’occasione per vedere, valutare e discutere con i partner del progetto la scelta delle piante da abbattere (martellata) fatta nelle pinete artificiali di pino nero al fine di migliorarne struttura e stabilità nonché di accrescerne la diversità biologica a livello di sottobosco e suolo.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il 21 Maggio si celebra in tutta Europa la giornata dedicata alla rete Natura 2000!

Anche SelPiBioLIFE, benché non abbia tra le aree dimostrative siti Natura 2000, vuole comunque ricordare a tutti i suoi portatori d’interesse questa giornata.
Lo scopo della celebrazione è quello di far conoscere ai cittadini dell’Unione Europea l’esistenza e gli obiettivi di Rete Natura 2000. In questa occasione ai beneficiari di progetti LIFE Natura e Biodiversità, viene richiesto di organizzare manifestazioni o eventi che diano maggiore visibilità alle ricchezze naturali dei siti e alle preziose attività  che i Progetti LIFE stanno portando avanti per la loro conservazione.
Per poter vedere conoscere gli eventi organizzati in tutta Europa in occasione di questa giornata www.lifecommunity.eu/

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il progetto SelPiBioLife è ancora nella fase iniziale e mentre stanno partendo i lavori dei partner nelle aree dimostrative, una serie di attività di divulgazione cerca di attirare l’attenzione del maggior numero di potenziali stakeholders sul progetto e su i suoi obiettivi. A tale scopo è stata realizzata anche una brochure di presentazione che sarà distribuita, nella versione cartacea, sia nei territori interessati dal progetto che  presso portatori d’interesse a livello regione ed oltre.

Un modo per raggiungere operatori e tecnici del settore forestale italiano è stato quello di allegare la brochure alla rivista forestale Sherwood – Foreste ed alberi oggi.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Save the date!

Giovedì 19 Febbraio ad Arezzo presso la Sala Pavari del CRA-Centro di ricerca per la Selvicoltura si terrà il Convegno di presentazione del Progetto SelPiBioLife dal titolo “il trattamento selvicolturale può accrescere la biodiversità”.

Un incontro per far conoscere la proposta gestionale per le pinete di Pinus nigra e i conseguenti  benefici sul popolamento forestale e sull’ecosistema con particolare riferimento alla biodiversità del suolo. SelPiBioLife vuole dimostrare che l’applicazione di idonei trattamenti selvicolturali non solo incrementano il valore ecologico del territorio ma anche di quello economico, turistico e di protezione idrogeologica.

Vota questo articolo
(4 Voti)

SelPiBioLife, ovvero: Selvicoltura innovativa per accrescere la biodiversità dei suoli in popolamenti artificiali di pino nero (LIFE13 BIO/IT/000282), è unLIFE Biodiversità finalizzato a dimostrare gli effetti positivi di uno specifico trattamento selvicolturale su:

  • accrescimento delle piante;
  • stabilità dei soprassuoli;
  • biodiversità a livello di sottobosco e di ambiente suolo (funghi, batteri, flora, mesofauna, nematodi).
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il 2 Giugno 2014 è ufficialmente iniziato il progetto SelPiBioLife (LIFE13 BIO/IT/000282) che durerà 5 anni ed avrà come oggetto la gestione delle pinete di pino nero e la loro biodiversità a livello di sottobosco e suolo. In particolare verranno realizzati interventi dimostrativi e relativi monitoraggi in pinete di origine artificiale dei territori delle Unioni dei Comuni del Pratomagno (AR) e dell’Amiata Val d’Orcia (SI).

Vota questo articolo
(4 Voti)

Newsletter

JSN Megazine template designed by JoomlaShine.com

Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti. Chiudendo questo banner o navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.