Micodiversità in una pineta artificiale

Micodiversita pineta artificialeÈ stato pubblicato su  Italian Journal of  Mycology  (46 /2017)  un articolo dal titolo “ The economic potential of mushrooms in an artificial Pinus nigra forest”. Si tratta di un contributo che riporta i risultati di uno studio sulla micodiversità in un impianto artificiale di pino nero sul Monte Amiata in Toscana, tipologia di habitat ad oggi poco indagata per questi aspetti.

In quest’area, dall’autunno 2014 alla primavera 2015, in soli 5 rilievi, sono state censite 106 specie, con un totale di 3220 carpofori, di cui Phellodon niger è stata la più abbondante. Le pinete in oggetto sono quelle indagate dal Progetto SelPiBioLife e i risultati di questo studio corrispondono alla situazione ante i trattamenti selvicolturali messi a confronto. Interessante anche il fatto che sono state censite anche specie eduli di macrofunghi epigei e alcune specie di Tuber, la cui raccolta nell’area del Monte Amiata, è consolidata da antiche tradizioni e anche da un potenziale interesse economico .

L’articolo è in inglese, una versione in italiano e più divulgativa è stata pubblicata sulla rivista forestale Sherwood ed è disponibile su questa stessa sezione del sito.

 

 

Newsletter

Rimani informato!
Iscriviti alla nostra newsletter
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7,13 e 15 del Regolamento UE 2016/679 acconsento al trattamento dei miei dati personali come da informativa privacy di Compagnia delle Foreste
JSN Megazine template designed by JoomlaShine.com

Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti. Chiudendo questo banner o navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.